Dal MIT arriva il futuro

Le Self-Driving Cars hanno praticamente invaso il Consumer Electronics Show di Las Vegas di quest’anno.

Dal MIT arrivano notizie davvero incredibili circa le tecnologie utilizzate per il perfezionamento del software e sui metodi di alimentazione dell’intelligenza necessaria ai computers pilota di questi mostri di tecnologia.
La Self-Driving Car impara a guidare quando non è impegnata a scarrozzarvi per le strade, semplicemente attraverso la riproduzione di video giochi e la navigazione di Google Street View possono insegnare davvero molto al software destinato alla gestione della guida automatica.

Il Videogioco in cattedra

I computers che controllano le automobili a guida automatica stanno bruciando le tappe incamerando preziose conoscenze sul mondo reale nei modi più sorprendenti, fra questi la navigazione nelle mappe online e i videogiochi tecnologicamente più avanzati, ovviamente a tema driving, un esempio per tutti Grand Theft Auto.

La macchina intelligente

Per consentire questo, i ricercatori della Princeton University, hanno sviluppato un “visore” che consente alle vetture di raccogliere informazioni utili sulle proprietà fisiche delle strade attraverso lo studio di Google Street View.
Ciò ha permesso loro , ad esempio, di imparare come valutare i bordi di un incrocio basandosi sulle immagini catturate dalle vetture di mappatura di Google.
I ricercatori hanno addestrato il loro sistema utilizzando circa 150.000 panorami di Street View .

La precisione migliorerà aumentando la base dati utilizzata per il training delle self driving cars, ne è certo Ari Seff , studente laureato alla Princeton che ha lavorato al progetto con Jianxiong Xiao, docente che ha recentemente lasciato l’università per fondare la startup automobilistica  AutoX.ai.

“La creazione manuale di alta definizione mappe 3-D per la guida autonoma può risultare molto costoso”, dice John Leonard, professore presso CSAIL del MIT, specializzato nella mappatura e guida automatica. “Se questo processo può essere automatizzato utilizzando reti che operano su grandi banche dati pubbliche, questo rappresenterebbe una grande vittoria per questo settore tecnologico.”

 

Approfondimenti :

Robot Cars Can Learn to Drive without Leaving the Garage

di Will Knight
Senior Editor, AI at MIT Technology Review

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *