Sab. Set 19th, 2020
Cassani Imola 2020
Condividi il contenuto

I mondiali in Italia

La Tirreno Adriatico 2020 appartiene, ormai, agli almanacchi, ed il
prossimo obbiettivo dei  top-players punta diritto verso il campionato
del mondo su strada di  Imola 2020

Il nostro paese è stato teatro dei mondiali su due ruote nel 1932 Roma,
vinti da Alfredo Binda, nel 1951 a Varese, conquistati  dallo svizzero 
Ferdi Kubler.

Si torna ancora in Italia nel 1955 a Frascati dove conquista la maglia iridata
il belga Stan Ockers e ancora nel 1962 a Salò del Garda dove vince l’oro
Jean Stablinski, francese.

Si  ritorna in Italia proprio ad imola, nel 1968, dove ancora una volta è un
azzurro a vestire la maglia iridata, è l’anno di Vittorio Adorni.

Arriviamo al 1976 ad Ostuni, Freddy Martens diventa campione del
mondo.
Dopo l’edizione di Ostuni , il mondiale approda ancora nel nostro paese,
a  Giavero Montello  nel 1985 dove Joop Zoetemelk si laurea campione.

E’ la volta della Sicilia, Agrigento ospita il mondiale del 1994 e il campione
di quella edizione è il francese Luc Leblanc.

Per l’ultimo mondiale del secondo millennio, l’ UCI sceglie Verona, siamo
ovviamente nel 1999 e la maglia iridata passa sulle spalle di Oscar Freire.

Nove anni dopo è Varese il teatro dei campionati del  mondo, è il 2008 e lo
scatto imperioso di Alessandro Ballan è ancora negli occhi di molti.

Fu una delle vittorie più entusiasmanti per i tifosi di tutto il mondo.

IMOLA 2020

Siamo in piena pandemia, il virus COVID-19 partito dall’oriente ha
compromesso le attività di qualsiasi genere, fra queste anche quelle
sportive professionistiche.
L’UCI, che inizialmente aveva assegnato la manifestazione alla Svizzera,
è costretta a ripiegare sull’Italia, per la rinuncia del paese elvetico.

Viene scelta la città di Imola, nella quale è presente il famosissimo
autodromo, con le strutture annesse,

che offre ampie garanzie di protezione per tutti.

 CONVOCATI

Con lo svolgersi delle manifestazioni della stagione, il CT Davide Cassani si
è trovato a dover fare a meno di corridori come Giulio Ciccone, colpito dal
corona virus, e Davide Formolo, vittima di un incidente al Tour de France.

Rimane, tuttavia, un discreto gruppo dal quale selezionare la squadra che
attaccherà la conquista della maglia iridata ad Imola.
Vedremo sicuramente Alberto Bettiol, Matteo Trentin e Vincenzo Nibali,
quest’ultimo è già da oggi ad Imola per familiarizzare con il percorso, che
sebbene non sembra essere adattissimo al Siciliano, potrebbe rivelarsi vantaggioso per la compagine azzurra.

Questo trio dovrebbe rappresentare la base da completare, speriamo, con il
“rosso dio Buja” Alessandro De MarchiAndrea BagioliGiovanni
ViscontiAndrea  Vendrame e Fausto Masnada.

Oltre a questi , BrambillaConci e Moscon, , Brambilla, Colbrelli, Ulissi potrebbero saranno parte del Team, tutti ragazzi che si sono recentemente messi in vista, durante Tour e Tirreno Adriatico.

In fine, quello che potrebbe rappresentare il jolly, perché no? Matteo
Fabbro (1994) che al tour ha dato prova di carattere, mettendo in mostra
tutto il suo talento.

La prova contro il tempo, naturalmente sarà sostenuta dal grandissimo
Filippo Ganna !

Buon lavoro al CT Davide Cassani!


Condividi il contenuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi