Lun. Set 21st, 2020
Lennard Kämna
Condividi il contenuto

Tappa numero 16 della Grand Boucle, inizia l’ultima settimana della corsa più seguita al mondo.

La prima buona notizia è che tutti i test al Corona virus, effettuati su tutti gli
appartenenti alla carovana del Tour de France, sono risultati negativi,
incluso quello del direttore Christian Preudhomme, rimasto in quarantena
sino ad ieri sera.

Si parte da La Tur du Pin e dopo 164 Km e 5 GPM  si arriva a Villard de l’Ans.

Il duello finale fra leaders,  Primoz Roglic  e Tadej Pogacar, inizia oggi
per terminare, dopo tre terribili frazioni, il prossimo mercoledì!
Difficilmente ci saranno possibilità di sovvertire l’ordine della classifica
generale dopo quel termine.

Il percorso

Dopo 66 km dalla partenza si sale al GPM del Col de Porte, picchiata sino ai
piedi della Còte de Revel, di nuovo a tutta in discesa sino a Vizille e scalata
finale al Montèe de Saint Nizier du Moucherotte, 11 Km al 6,6%, sino
all’altopiano dove è posto l’arrivo.

La tappa

A 100 Km dall’arrivo sono ben 18 i corridori in fuga, fra questi Daniel Oss
(Bora-Hansgrohe), Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), Sébastien
Reichenbach (Groupama-FDJ), Alberto Bettiol (EF Education First),
Winner Anacona, Warren Barguil (Arkéa-Samsic), Imanol Erviti, Carlos
Verona (Movistar Team), Matteo Trentin (CCC Team) e viaggiano con un vantaggio di oltre 8 minuti!

Considerato il numero cospicuo dei partecipanti alla fuga, non è escluso che
almeno una parte di questi , possa arrivare al traguardo.
Magari una azione tipo Giro delle Fiandre di Alberto Bettiol!

Le ruote macinano chilometri, ne mancano 40 al traguardo ed il gruppo
ormai è dietro di 12 minuti.
L’ipotesi che la fuga andrà in porto sta diventando sempre più veritiera.


Il Finale

Egan Bernal ancora in crisi nera, oggi finirà con il gruppetto dei velocisti.

Richard Carapaz (Ineos Genadiers)  scatta a due km dall’ultimo GPM, lo
segue Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) con Lennard Kämna
(Bora-Hansgrohe) e Sébastien Reichenbach (Groupama-Fdj), il ritmo è
davvero alto.

Il secondo cinghiata di Carapaz fa crollare Alaphilippe e Reichchenbach,
rimangono in due, ma poco prima della linea del GPM Kämna allunga e stacca Carapaz!

Sia Alaphilippe che Carapaz pagano i troppi allunghi, anche se la selezione
finale l’ha fatta proprio il corridore ecuadoriano, già vincitore del giro
d’Italia !

La salita è terminata Lennard Kämna potrebbe farcela, la pedalata del
tedesco è piena entra nei 10 km e incontrerà, a 4 Km dalla riga bianca, un
tratto in salita decisa che volerà via con il sapore della vittoria!.

Il tedesco della Bora ad 850 mt dal traguardo ed è trionfo per Lennard
Kämna 24 anni compiuti lo scorso lunedi.

Il Gruppo Maglia Gialla

Nemmeno a dirlo l’andatura la fa Wout Van Aert, con la corazzata
Jumbo Visma in fila che scorta sia Roglic che Pogacar, una quindicina di minuti di ritardo al traguardo.
Nella classifica generale non cambia nulla e domani tappone dolomitico !

Lennard Kämna
Lennard Kämna

Condividi il contenuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi